SIENA: LA CITTA' DEL PALIO BELLA TUTTO L'ANNO




Siena mi ha stupita: i tre giorni che ho passato in questa piccola città della Toscana mi hanno veramente impressionata.
Dopo questo sfortunatamente breve soggiorno so che, ogni volta che mi troverò a ripassare per questa splendida regione, avrò un'altra tappa obbligata.

Siena surprised me: the three days I spent in this small town in Tuscany really impressed me.
I absolutely have to go back!







Siena è nota soprattutto per il suo palio (non appena ne avrò l'occasione mi organizzerò per prendervi parte), in quei giorni la città trabocca letteralmente di turisti; ma, quello che ho imparato, è che vale la pena di visitarla anche in qualsiasi altro periodo dell'anno.
Chiaramente ogni visita non potrà che partire dalla bellissima Piazza del Campo, simbolo indiscusso della città e cuore nevralgico di tutta la sua vita civile e turistica. Con la sua particolarissima pianta a forma di conchiglia, la sua inconfondibile Torre del Mangia (dove si trova il Palazzo Pubblico) e la sua Fonte Gaia, vi farà sicuramente esaurire la memoria del cellulare a furia di scattare foto. All'interno del Palazzo Pubblico, poi, è assolutamente da visitare il Museo Civico, dove troverete, tra le tante opere, anche i famosi affreschi di Lorenzetti con l'Allegoria del Buono e del Cattivo Governo.

Siena is known above all for its palio (as soon as I want to take part in), in those days the city literally overflows with tourists; but what I have learned is that Siena is beautiful in every months of the year.
Of course, every visit can only start from the beautiful Piazza del Campo, the undisputed symbol of the city and the heart of all its civil and tourist life. With its unique shell-shaped plant, its unmistakable Torre del Mangia (where the Palazzo Pubblico is located) and its Fonte Gaia, Piazza del Campo will surely exhausted the memory of your cell phone by taking photos. Inside the Palazzo Pubblico, then, it is absolutely worth visiting the Civic Museum, where you will find, among the many works, also the famous frescoes of Lorenzetti with the Allegory of Good and Bad Government.




Poco distante, immancabile una visita allo splendido Duomo: con i suoi esterni maestosi e i suoi interni ricchi di raffigurazioni di simboli esoterici e religiosi, il suo bellissimo pulpito realizzato da Nicola Pisano, la libreria Piccolomini con alcuni tra i più interessanti esempi di testi manoscritti, non vi deluderà.
Altro fondamentale monumento di impronta religiosa è sicuramente il Battistero: protagonista indiscusso qui, sicuramente il Fonte Battesimale posto al centro della struttura, a cui ha lavorato, tra gli altri, anche Donatello.

Not far away, a visit to the splendid Cathedral is unmissable: with its majestic exteriors and its interiors full of depictions of esoteric and religious symbols, its beautiful pulpit made by Nicola Pisano, the Piccolomini bookcase with some of the most interesting examples of manuscript texts, it will not disappoint you.
Another fundamental monument of religious imprint is the Baptistery: undisputed protagonist here, certainly the Baptismal Font placed at the center of the structure, to which Donatello has worked, among others.



Dopo aver visitato il Duomo e il Battistero, vi consiglio di non dimenticare il complesso di Santa Maria della Scala, risalente al IX-XI secolo: nel Medioevo era un ospedale dedicato ai malati e ai pellegrini, un luogo pieno di mistero e di storia; oggi ospita un vasto complesso museale dove potrete ammirare esposizioni di vario tipo. Non lontano da Santa Maria della Scala troverete poi la Pinacoteca Nazionale: qui sono conservati i capolavori di tanti artisti del passato (solo per citarne alcuni: Duccio di Buoninsegna, Simone Martini e Lorenzetti).

After visiting the Duomo and the Baptistery, I advise you not to forget the complex of Santa Maria della Scala, dating back to the IX-XI century: in the Middle Ages it was a hospital dedicated to the sick and pilgrims, a place full of mystery and history; today it hosts a vast museum complex where you can admire various kinds of exhibitions. Not far from Santa Maria della Scala you will find the National Art Gallery: here are preserved the masterpieces of many artists of the past (just to name a few: Duccio di Buoninsegna, Simone Martini and Lorenzetti).



Durante la mia visita della città, anche e soprattutto grazie all'organizzazione messa a disposizione dal gentilissimo Comune di Siena, ho potuto approfondire la figura di uno dei più grandi scrittori italiani che, proprio qui a Siena dove era nato, ha ambientato molti dei suoi capolavori letterari: sto parlando di Federigo Tozzi.
E' stato un immenso piacere girovagare tra i vicoli e le stradine acciottolate di Siena ripercorrendo la varie tappe della vita dello scrittore e potendo toccare con mano gli scenari dei suoi più noti romanzi: l'osteria paterna ancora oggi aperta al pubblico come ristorante, le sterminate e verdeggianti colline che circondano letteralmente la città, i tetti e i comignoli tutti affastellati tra loro quando si guarda dai punti più alti: tutte le atmosfere, insomma, che si respirano in autentici capolavori come “Con gli occhi chiusi”, “Tre croci”, “Il podere”...

During my visit to the city, also and especially thanks to the organization made available by the very kind of Siena Municipality, I was able to deepen the figure of one of the greatest Italian writers who, right here in Siena where he was born, has set many of his literary masterpieces: I'm talking about Federigo Tozzi.
It was an immense pleasure to wander through the alleys and narrow cobbled streets of Siena, retracing the various stages of the writer's life and being able to touch the scenarios of his most famous novels: the paternal tavern still open to the public as a restaurant, the endless and verdant hills that literally surround the city, roofs and chimneys all bundled together when you look from the highest points: all the atmospheres, in short, that are breathed in authentic masterpieces like "With the eyes closed", "Three crosses" , "The farm" ...



Ma Siena non è solo i suoi monumenti, e anche sotto il profilo culinario saprà sicuramente accontentarvi: ribollita, pici, salumi di ogni tipo, ma anche e soprattutto la vastissima scelta di dolci locali: i miei preferiti, senza dubbio, i buonissimi ricciarelli, semplici ma gustosissimi biscotti a base di marzapane, zucchero e albume d'uovo.

But Siena is not only its monuments, and also from the culinary point of view it will surely satisfy you: ribollita, pici, salami of all kinds, but also and above all the vast choice of local sweets: my favorites, without a doubt, the delicious ricciarelli, simple but tasty biscuits made with marzipan, sugar and egg white.







Durante il mio week-end a Siena ho avuto il piacere di soggiornare presso l'accogliente ed elegante Hotel Santa Caterina***: si tratta di una struttura appena fuori dalle porte della città, distante solo dieci minuti a piedi dalla centralissima Piazza del Campo. In quest'hotel dalle camere spaziose e dall'arredamento semplice ma di gusto, la calma che si respira e la gentilezza del personale sapranno rendere il vostro soggiorno ancora più perfetto.
La nutriente colazione, poi, ricca di prodotti locali e a chilometro zero, e varia sia per il dolce che per il salato, sarà un perfetto preludio per le vostre giornate alla scoperta della città.
Ma il punto forte dell'Hotel SantaCaterina*** è senza dubbio il panorama di cui potrete godere dal balcone della vostra camera e anche dal piccolo giardino su cui si affaccia la sala colazioni: la bellezza delle colline senesi, la dolcezza di questi profili verdeggianti e dall'aspetto rassicurante è uno dei più stupefacenti e meravigliosi spettacoli che ci offre la nostra probabilmente insuperabile Italia; le foto, in questo caso, parlano dopotutto da sole!

During my weekend in Siena I had the pleasure of staying at the cozy and elegant Hotel Santa Caterina ***: it is a structure just outside the city, only ten minutes walk from the central Piazza del Campo. In this hotel with spacious rooms and simple but tasteful decor, the calm that you breathe and the kindness of the staff will make your stay even more perfect.
The nutritious breakfast, then, full of local products and zero kilometer, and varies for both sweet and salty, will be a perfect prelude to your days to discover the city.
But the highlight of the Hotel Santa Caterina *** is undoubtedly the panorama you can enjoy from the balcony of your room and also from the small garden overlooking the breakfast room: the beauty of the Sienese hills, the sweetness of these profiles verdant and reassuring is one of the most amazing and wonderful shows that our probably unsurpassed Italy offers us; the photos, in this case, speak after all by themselves!



Nessun commento

Posta un commento